saluto agli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia

Di seguito l’articolo di Claudio Bottagisi sul saluto agli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia:

Il brano Rinascerò, rinascerai composto da Roby Facchinetti durante la pandemia. Un vero e proprio inno alla forza e un omaggio che il cantante ha voluto fare agli italiani e in particolare agli abitanti di Bergamo, sua città natale, tra le più colpite dal coronavirus.

Si è aperta così, giovedì 9 luglio, la serata dedicata alla consegna dei diplomi ai piccoli alunni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia “Santa Giovanna Antida” di Mandello.

Una serata “speciale”, è il caso di dire, innanzitutto per le emozioni che si sono accompagnate ai vari momenti che l’hanno contraddistinta, a iniziare dalla sfilata dei bambini con la bandiera tricolore, omaggio al nostro Paese e alle difficili sfide che l’Italia intera si è trovata e si trova tuttora ad affrontare.

Teatro dell’evento, svoltosi in tutta sicurezza e nel rispetto delle norme anti Covid, il campetto sportivo dell’istituto scolastico.

E’ stata suor Giovanna Morstabilini, dirigente scolastico, ad augurare ai piccoli diplomandi un percorso di studio (e di vita) ricco di traguardi, “un cammino – ha detto – che vi condurrà certamente a raggiungere vette sempre più elevate”.

Quindi la consegna dei meritati diplomi e di un dono, da parte delle insegnanti, a tutti i bambini, accompagnato da significative espressioni augurali per il loro futuro.

Tra la commozione dei genitori l’insegnante Stefania ha poi dato lettura della “Storia della matita” di Paulo Coelho, un breve racconto in cui vengono esaltate le qualità che ognuno di noi dovrebbe coltivare nella vita. Ed è con una matita che ogni famiglia ha lasciato un segno su un foglio bianco per le insegnanti, le suore e la scuola che hanno accolto, educato e istruito i propri figli in questi anni.

Ultimo atto della bella serata il lancio di palloncini bianchi, rossi e verdi, con l’auspicio che anche i desideri di ogni bimbo possano arrivare più in alto possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *